TOP
pranzo veloce e sano

Pranzo veloce e sano: tutti i modi per risparmiare tempo

Il pranzo è il pasto principale della giornata, ma spesso ci troviamo a doverlo consumare in ufficio, davanti al computer, e magari anche in fretta: queste sono abitudini poco salubri che però possiamo modificare facilmente. Come? In tanti modi sfiziosi, tra cui i piatti pronti Almaverde Bio, che fanno risparmiare tempo senza rinunciare a un pranzo veloce e sano.

Settembre: per molti e molte di noi, tempo di tornare in ufficio! E con quest’ultimo tornano anche gli orari più ferrei e le giornate scandite dai vari impegni, tanto che alle volte sembra niente affatto facile trovare il tempo giusto da dedicare al nostro benessere per sedersi e consumare un pranzo veloce e sano! Difficile sì, ma non impossibile, rispondiamo noi: in questo articolo vogliamo darvi infatti qualche spunto per non perdere di vista l’importanza di una corretta alimentazione.

Partiamo dalle basi: la fretta con la quale si mangia. Sappiamo infatti che il tempo che si deve dedicare al pasto dipende sia dalla quantità sia dal tipo di cibo che si mangia: ad esempio, ci sono alimenti che necessitano di maggiore masticazione e che determinano una grande “fatica” del tratto gastro-intestinale. Per dirla in altre parole, un pasto pesante ha più possibilità di creare sonnolenza e un calo delle performance lavorative; e dunque, a fronte di un pasto necessariamente veloce, se si vogliono mantenere buoni livelli di attenzione sul posto di lavoro sembra preferibile consumare pasti leggeri e poveri di grassi, che non impegnino eccessivamente la digestione.

frutta e verdura secca

Altro aspetto importante è poi quello della distribuzione dei pasti durante la giornata, e all’annosa questione “Spuntini sì o no?” la risposta è assolutamente sì, sempre però con l’accortezza di non ingerire cibi troppo grassi. Ottime e pratiche soluzioni sono, ad esempio, gli snack a base di frutta secca: anacardi, mirtilli rossi, mandorle, noci sgusciate e uva sultanina sono alcune delle possibilità in commercio.

Quindi, diciamo pure che l’ideale sarebbe non mangiare di fretta e, al contrario, dedicare persino un’ora al pranzo, come afferma il professor Enzo Spisni del Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali dell’Università di Bologna[1].

Ma, se come succede di frequente, ciò non è possibile, ecco che entrano in campo altri fattori dirimenti: la leggerezza del pasto stesso e l’osservanza della piramide alimentare mediterranea, che ci è di grande aiuto nella varietà e nell’equilibrio delle nostre scelte gastronomiche.

Guardando alla piramide, si nota che, per i pasti principali, viene raccomandata l’assunzione giornaliera di verdura (2 o più porzioni) e frutta (1-2 porzioni), nonché di cereali, preferibilmente integrali.

Troviamo poi l’assunzione giornaliera di latte e derivati a basso contenuto di grassi, in 2-3 piccole porzioni, mentre andando verso l’apice della piramide vengono individuati gli alimenti da consumare su base settimanale e non giornaliera: pesce e legumi (2 porzioni a settimana ciascuno), pollame (2-3 porzioni), uova (1 -4 a settimana) e formaggi (con porzioni “contenute” che variano in base alla stagionatura).

Infine, al vertice della piramide troviamo i cibi da consumare non solo su base settimanale, ma ai quali prestare un’attenzione ancora maggiore: stiamo parlando di carni rosse, affettati e dolci.

piramide alimentare grafico a torta

E ora, con questo rinnovato bagaglio di conoscenze, dovremmo avere più consapevolezza su cosa portare con noi in ufficio per un pranzo veloce e sano.

Cucinare o non cucinare: questo è il problema!

A questo punto, davanti a noi si aprono due vie percorribili: preparare qualcosa noi stessi la sera prima oppure acquistare piatti pronti, come quelli pensati da Almaverde Bio, i quali permettono di risparmiare tempo senza rinunciare alla salubrità.

Se scegliamo di cucinare in casa, ci troviamo di nuovo con due scenari possibili: mentre, infatti, i più “pigri” opteranno per portarsi al lavoro gli avanzi della cena precedente, i più volenterosi tra di noi si metteranno ai fornelli e useranno la fantasia per evitare la “monotonia” di due pasti uguali di fila. Ma, mentre in estate l’estro culinario può abbinarsi molto bene al nostro fidato contenitore portatile (la stagione delle paste fredde, dei cous cous, delle insalate, e così via), nei mesi freddi la situazione può apparire più complicata: se, infatti, siamo in vena di minestrone o zuppa, come possiamo essere sicuri che il contenuto non si riversi completamente nella nostra borsa o nel nostro zaino?

Per scongiurare questa infausta situazione, è in un frangente del genere che viene da sospirare e pensare che sarebbe tutto più semplice comprando delle zuppe pronte o anche – perché no? – un bel passato di verdura pronto, per un pranzo veloce e sano… E pure dal potere riscaldante!

Almaverde Bio vanta una gamma molto ampia di piatti pronti, convenienti sia per i mesi caldi come per quelli più freddi. Ad esempio, i Pronti Ad Arte: la linea di piatti sani e sfiziosi pronti in 4 minuti di orologio anche in forno a microonde, che proprio per questo rappresentano una soluzione ottimale per la pausa pranzo in ufficio o fuori casa. E se vi state chiedendo come fare con le posate, sappiate che ci sono in dotazione tovagliolo e cucchiaino!

Si va dalle zuppe pronte bio (zuppa di legumi con orzo e farro e zuppa toscana, minestrone di verdure), ai passati (passato di patate, cavolfiori e broccoli, passato di zucca con carote e porro, passato di verdure con crostini), fino ai piatti a base di verdure, come il purè di patate e la scarola accompagnata da fagioli cannellini.

pranzo veloce e sano Almaverde Bio

Che dire poi delle verdure fresche pronte? Una gamma di verdure biologiche, lavate, tagliate e asciugate e dunque pronte da gustare, proposte nel pieno rispetto della stagionalità e contenute in buste e vassoi riciclabili. Baby carrots, rapa rossa e vari tipi di insalata facili da “spiluccare”, e la zucca a cubetti, ideale per preparare velocemente zuppe e vellutate o utilizzabile come contorno cotta al forno o in padella.

E non dimentichiamoci delle confezioni di verdure cotte al naturale, la scelta di verdure e legumi coltivati interamente in Italia e trattati in modo naturale senza l’aggiunta di conservanti. Conservando il loro sapore naturale, danno il meglio di sé conditi con un filo d’olio a crudo.

In definitiva

Abbiamo visto insieme cosa è importante tenere a mente per i nostri pranzi in ufficio, magari di corsa e magari davanti al pc. Punto fondamentale è comprendere come sia preferibile mantenersi leggeri per non subire la tipica sonnolenza post-pranzo e alternare i vari alimenti durante la settimana.

In base a questi accorgimenti possiamo metterci noi stessi ai fornelli per cucinare dei piatti bilanciati od optare per comprarne di già pronti, e dare così una nota di sapore genuino al nostro pranzo veloce e sano.