TOP
frutta secca bio

Frutta secca bio, lo snack salutare e pratico

In ufficio, nello zaino per una passeggiata in montagna o in borsa come pieno di energie tra una commissione e l’altra, i mix tascabili di frutta secca bio sono un’ottima scelta per uno spuntino ricco di fibre, omega 3 e antiossidanti.

Immancabile nei periodi natalizi e sempre presente nei supermercati in mille varianti, mix e snack monoporzione, la frutta secca comprende una variegata classe di alimenti, accomunati da un elevato potere energetico, un vero e proprio alleato del nostro organismo sotto molti punti di vista. Ancora meglio quando si tratta di frutta secca bio!

Sebbene quasi tutta la frutta fresca si possa essiccare, l’immaginario comune tende più spesso a considerare come “vera” frutta secca unicamente quella lipidica – arachidi, mandorle, nocciole, noci, noce di cocco, pinoli, pistacchi, castagne, etc. – ricca di grassi e povera di zuccheri ma è frutta secca anche quella glucidica, o frutta secca non oleosa – mele, uva, banane, datteri, prugne, fichi, mirtilli, etc. –, ricca di zuccheri e povera di grassi.
La frutta secca lipidica rappresenta un alimento fondamentale nella dieta di tutti, in particolare di vegetariani e sportivi, in quanto è un alimento ottimo per forza fisica ed energia grazie all’alto contenuto di proteine di alta qualità, fibre e acidi grassi mono e polinsaturi (presenti soprattutto nelle noci), vitamine (folati, niacina, vitamina E), minerali (potassio, calcio, magnesio) e fitocomposti.

frutta secca

La frutta secca è caratterizzata da proprietà cardioprotettive, anticancerogene, antinfiammatorie e antiossidanti, ed esercita un’azione preventiva nei confronti di stati patologici come diabeteipercolesterolemia e obesità: è stato osservato, infatti, a seguito di uno studio lungo 30 anni condotto negli Stati Uniti e pubblicato sul New England Journal of Medicine, che il consumo della frutta secca è associato a un minore rischio di diabete di tipo 2, di cancro del colon, d’ipertensione, e della «sindrome metabolica», molto pericolosa per il sistema cardiovascolare.
Che frutta secca sia, allora!

Frutta secca – Proprietà

Dal momento che ogni frutto o seme si differenzia dagli altri, può valere la pena approfondire la conoscenza di alcuni tra quelli più noti e facilmente reperibili:

Noci: sono una buona fonte di Omega 3, aiutano a proteggere contro le malattie cardiache e contro un’ampia gamma di malattie di tipo infiammatorio e non, contengono acido ellagico, un antiossidante benefico per il sistema immunitario. Molto presente anche la melatonina, che aiuta a regolare il ritmo sonno-veglia insieme a magnesio, calcio, potassio e vitamine (soprattutto la vitamina E).

Arachidi: sono una buona fonte di proteine vegetali, sali minerali (magnesio, potassio, zinco, fosforo, manganese e rame), vitamine (soprattutto vitamina E), fibre, grassi buoni e antiossidanti.

Pistacchi non contengono colesterolo e i loro alti livelli di omega 6 e omega 9 sono particolarmente utili per ridurre i valori di colesterolo cattivo (LDL) aumentando contestualmente quelli di colesterolo buono (HDL).   I pistacchi sono molto sani anche per la presenza di sali minerali (tra cui il ferro), di vitamine (soprattutto del gruppo B ed E), di fibre e di antiossidanti che contrastano i radicali liberi.

Nocciole: senza dubbio tra i frutti più ricchi di vitamina E. Contengono inoltre fitosteroli, sostanze utili per la prevenzione delle malattie cardiache e circolatorie, grassi buoni, vitamine del gruppo B, antiossidanti naturali, sali minerali tra cui (calcio, ferro, rame, manganese).

frutta secca proprietà

Mandorle: offrono diversi vantaggi in quanto aiutano a stabilizzare gli zuccheri nel sangue evitando i picchi glicemici, sono ricche di antiossidanti, nonché fonte preziosa di proteine e grassi monoinsaturi, e poi di calcio, magnesio e fosforo (determinanti per la buona salute delle ossa). Per chi segue un regime di dieta, le mandorle sono anche ottime per tenere a bada il senso di fame.

A ognuno il suo! Il consumo di alcune tipologie di frutta secca è caldamente consigliato in caso di determinate patologie o particolari condizioni: chi ha il colesterolo alto, ad esempio, dovrebbe inserire più spesso nella propria dieta noci, nocciole e mandorle; nel caso di soggetti diabetici sono invece caldamente consigliati anacardi, mandorle e pinoli.
Anche condizioni particolari come la gravidanza possono beneficiare del consumo di frutta secca soprattutto di quelle varianti più ricche di acido folico come arachidi e nocciole ma anche noci e mandorle. È stato anche dimostrato che mangiare arachidi e altra frutta secca quando si è in dolce attesa riduce il rischio di allergie nei bambini.

Frutta secca bio: quanto e quando?

Ci siamo finalmente convinti che comprare frutta secca bio  un buon passo per prenderci cura di noi e del nostro benessere ma abbiamo ancora dei dubbi, come: qual è la quantità giornaliera giusta della frutta secca? E quando è meglio fare questo spuntino proteico?

Sarebbe meglio evitare di sgranocchiare noccioline o pistacchi la sera davanti alla tv o al temine di un pasto, o al cinema, oppure durante un aperitivo, quando le calorie si andrebbero a sommare a quelle dei drink.

frutta secca quantità giornaliera

In generale la frutta secca dev’essere consumata con una certa parsimonia.
Per il loro elevato contenuto lipidico e calorico, infatti, si consiglia una dose giornaliera di circa 30-40 grammi: è evidente poi che il quantitativo consigliato può variare in base alle caratteristiche e alle attività svolte dalla persona, poiché uno sportivo potrà mangiarne di più rispetto a una persona che lavora al computer (regola che resta valida anche per il consumo di tutti gli alimenti).

Come avviene per la frutta fresca, i momenti migliori per consumare frutta secca sono di mattinaa colazione, in aggiunta a uno yogurt contenente anche frutta fresca e cereali integrali –, come snack di metà mattinata o anche come spezzafame del pomeriggio (avete presente quella “zona grigia” tra le 15 e le 16 in cui le energie sembrano venire meno…?).
L’importante è che, dato il suo elevato potere calorico, la frutta secca bio venga consumata lontano dai pasti principali.

La frutta secca di Almaverde Bio

Almaverde Bio vanta una vasta offerta di frutta secca bio, tutta senza glutine. Ci sono infatti le confezioni “formato famiglia”, da 70 fino a 200 grammi: noci, mandorle, pistacchi, mango, uva sultanina, solo per dirne alcuni. E per gli spuntini fuori casa, anche in confezione snack, disponibili sia “monogusto” (mandorle e pinoli sgusciati) sia nel formato frutta secca mix (Detox Mix, Misto con uva, Omega mix e Tropical Mix)!

Se poi, come può capitare anche ai più volenterosi, vince la pigrizia e vogliamo comprare la nostra frutta secca online, troviamo la stessa ampia scelta nel portale   e nello shop online Almaverde Bio.