TOP
crostata integrale mandorle pere

Crostata integrale alle mandorle e pere

Al contadino non far sapere quanto è buona la marmellata di fichi con le pere.

Non era così il detto? Ah no? Vabbè, siamo certi che ci perdonerete questa licenza poetica.

In questa crostata integrale alle mandorle e pere proverete in prima persona come l’accostamento della marmellata insieme agli altri ingredienti sia delicatamente sfiziosa.

Perfetta per colazione, merenda, snack o come dolce post pasto, questa torta delizierà il vostro palato in qualsiasi momento vogliate.

Non Vegan

Difficoltà

Media

Con lattosio

Tempo di preparazione

30 minuti

Con glutine

Tempo di cottura

1 ora

Ingredienti per 8 persone:

marmellata fichimandorle

Preparazione

  1. Versate in un mixer, o in una planetaria, le farine, il lievito, il sale e il burro freddo tagliato a dadini.
  2. Appena il composto diventa umido e sabbioso, unite lo zucchero, l’uovo sbattuto e le mandorle tritate finemente.
  3. Trasferite il composto in una ciotola e impastate per ottenere un panetto liscio.
  4. Avvolgete la frolla in una pellicola e lasciatela riposare in frigorifero per 30 minuti.
  5. Imburrate abbondantemente una teglia da crostata da 24 cm di diametro.
  6. Togliete la frolla dal frigorifero, stendetela con il mattarello e poi adagiatela sulla teglia fino a coprire anche i bordi.
  7. Se preferite, potete stendere la pasta a mano direttamente dentro la teglia.
  8. Bucherellate la frolla con i rebbi di una forchetta, copritela con carta forno coprendo bene anche i bordi e riempite con dei legumi secchi.
  9. Infornate a 180° per 25 minuti.
  10. Sfornate la frolla, eliminate i legumi e la carta forno e infornate di nuovo per 10 minuti a 180°.
  11. Nel frattempo, sbucciate le pere e tagliatele a fettine.
  12. Versate la confettura di fichi sul guscio di frolla e aggiungete la fette di pera.
  13. Aggiungete le mandorle a filetti e infornate a 170° per circa 50 minuti.

 

crostata integrale mandorle pere

 

Un’idea in più

Potete utilizzare la confettura o la marmellata che preferite: ci stanno benissimo quelle di albicocche, pesche, ciliegie, arance.

I legumi utilizzati per la cottura alla cieca non possono essere mangiati, ma possono essere conservati e riutilizzati per effettuare altre cotture alla cieca. Se non avete legumi secchi, potete appoggiare sopra la frolla una teglia dal diametro più piccolo.

Per rendere questa ricetta adatta a celiaci e intolleranti al lattosio, basta compiere una semplice azione: sostituire la farina di grano con la farina senza glutine e utilizzare il burro senza lattosio al posto del burro del latte vaccino. Et les jeux sont faits!